Number of View: 59


Facciamo un po’ il resoconto del primo mese del 2011 ed andiamo a vedere chi sono i players che hanno vinto di piu’ a giocare a poker online e chi ha perso di piu’. Come gia’ abbiamo detto in post precedenti, gennaio e’ stato il mese del ritorno di Gus Hansen (nella foto), il quale ha chiuso il 2010 in negativo. Gus Hansen chiude gennaio con poco piu’ di $900.000 di introiti, seguito subito da Di Dang, il campione di Internet poker conosciuto come “Urindanger” con quasi $898.000. Tra i perdenti troviamo inaspettatamente Phil Ivey con meno $612.000. Qui sotto la lista dettagliata dei poker pro protagonisti in positivo e negativo di gennaio 2011.

I Migliori Cinque
1. Gus Hansen: 908 mila dollari
2. Urindanger: $898.000
3. URnotINdanger2: $862.000
Il giovane nativo del Maryland ha vissuto un mese rovente, registrando enormi vittorie contro stelle del poker on line come Kpederson, Patrik Antonius e Tom “durrrr” Dwan.
4. Patrik Antonius: $835.000
Patrick Antonius e’ sempre molto equilibrato e costante nel suo gioco. Ama mantenere un basso profilo, ma alla fine i risultati che ottiene sono sotto gli occhi di tutti.
5. Ilvdnfl (PokerStars): $797,000
Ilvdnf parte alla grande nel 2011, dopo avere vinto quasi $1,7 milioni nel 2010.

I Cinque che hanno perso di piu’
1. NEKOTYAN: - $ 837,000
Gli esperti dicono che dietro il nickname di questo giocatore di poker online si nasconda il russo Vitaly Lunkin, che ha vinto quasi $3 milioni nel corso delle WSOP del 2009.
2. Phil Ivey: - $ 612,000
Inizio non buono per il piu’ grande poker pro del mondo. In 581 mani ha perso circa $500.000. A lui, pero’, di sicuro i soldi non mancano e nemmeno le immense qualita’ di giocatore.
3. Sauce123 (PokerStars): - 556 mila dollari
4. Kpederson: - $ 543,000
5. cadillac1944: - $ 478,000
Continua la scia negativa di questo giovane americano. Nel 2010 perde 1,8 milioni di dollari ed il 2011 non comincia bene per lui. Speriamo si riprenda.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Blogosphere News
  • RSS
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
Share