Number of View: 520


Che bello parlare delle vite che il poker online riesce a cambiare in meglio. Da pochi giorni impazzisce sui siti del mondo dedicati ai giochi poker la storia di Daniel Cates, conosciuto meglio con il suo nick “Jungleman12″. Daniel e’ un americano di appena 20 anni, e quindi impossibilitato ad entrare in un casino dove l’eta’ minima per accedervi e’ di 21 anni, che da qualche tempo fa faville nei siti poker. Per mantenersi questo ragazzi lavorava al McDonald’s, ma adesso non ne ha piu’ bisogno, visto che a poco a poco e’ stato in grado di distruggere i suoi avversari prima nei tornei a basso buy-in per poi partecipare a quelli piu’ ricchi ed avere successo anche in questa specialita’. Il passo decisivo, Daniel lo ha fatto quando si e’ preso la briga e la sfacciataggine di sfidare nientepopodimeno che Tom Dwan - il piu’ forte giocatore al mondo di poker online - nell’ambito della celebre “Million Dollar Challenge”. Non ci crederete, ma dopo ben 6.820 mani delle 50.000 in programma, Daniel e’ al di sopra di Dwan di $700 mila. E’ ormai divenuto il martello degli high stakes online e tutti parlano di lui negli Stati Uniti, anche perche’ in circa un anno e’ stato in grado di generare un profitto di quasi $3 milioni…incredibile per un ragazzo sconosciuto nel mondo del poker che poco prima navigava in gravi difficolta’ economiche. Gli esperti dicono che il suo talento si basi sulla sua capacita’ di gestire il bankroll, qualita’ che e’ nata in lui dopo una grave sconfitta dovuta a Isildur1, il quale gli porto’ via $500 mila in poche mani. Daniel dice: “Il pensiero di andare rotto, di finire in rovina, mi ha aiutato a darmi una regolata, non potevo permettermi di perdere una fetta cosi alta del mio bankroll in cosi poco tempo”. Le due lezioni che possiamo apprendere da Daniel Cates sono: 1) bisogna apprendere dagli errori; 2) la gestione del bankroll e’ fondamentale. E’ un campo, questo, che meriterebbe piu’ attenzione da parte di chi si cimenta a divenire un campione del poker on line.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Blogosphere News
  • RSS
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
Share