Come saprete sicuramente il fine settimana scorso e’ stato un momento davvero incredibile per il mondo del poker online negli Stati Uniti, con agenti dell’FBI che hanno bloccato le tre principali poker room operabti nel Paese, vale a dire i colossi Poker Stars, Full Tilt ed Absolute Poker, emettendo 11 mandati di cattura nei confronti dei fondatori dei suddetti siti ed altri top manager. Il momento che nessuno si augurava di vivere negli Stati Uniti e’ arrivato e la punizione si e’ rivelata piu’ dura del previsto. Ci chiediamo ora dove giocheranno i tantissimi amanti dei giochi poker su Internet negli Stati Uniti. Vedremo di fare i nostri studi e cercheremo di rispondere a questo quesito quando avremo piu’ informazioni al riguardo. Per il momento vorremmo portare alla vostra attenzione colui che in questi giorni e’ “most wanted” negli Stati Uniti, vale a dire Isai Scheinberg, canadese di 64 anni che una volta lavorava per l’IBM e poi gli venne in testa di cambiare mestiere e darsi al poker, creando – circa dieci anni fa - un sito che forse avrete sentito nominare: Poker Stars, che oggi rappresenta la poker room piu’ imponente del pianeta. Da un giorno all’altro questo signore di origini ebraica molto astuto ed intelligente e’ divenuto miliardario grazie al poker online. Naturalmente ha sempre preso in considerazione l’aspetto legale degli Stati Uniti e sapendo di correre seri rischi ha trasferito la sede della societa’ sull’isola di Man, dove paga anche pochissime tasse essendo quell’isolotto un paradiso fiscale. Gli Stati Uniti, nonostante avessero da sempre rappresentato il mercato principale, ha dovuto dimenticarli perche’ sa benissimo che se mette piede li’, lo arrestano seduta stante. I reati di cui e’ indagato sono molto seri: per l’FBI ha creato uno schema con la complicita’ di alcune banche attraverso il quale permetteva ai giocatori di eseguire transazioni finanziarie verso Poker Stars, infrangendo cosi’ la legge UIGEA in vigore dal 2006 che rende il poker online illegale, insieme alle transazioni finanziarie a beneficio delle poker room operanti negli Stati Uniti. Se viene arrestato negli Stati Uniti, dove adesso e’ considerato un fuggitivo, rischia 30 anni di galera. Il fondatore di Poker Stars passa il suo tempo tra l’isola di Man ed il Canada.

Number of View :683
Share and Enjoy:
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
  • services sprite Fondatore PokerStars ricercato negli US
share save 256 24 Fondatore PokerStars ricercato negli US