Download siti gioco poker online. Gioca a internet poker free Italia

Gioca a poker online italiano. Scarica giochi poker freee su internet


Giocare giochi online

Vorremmo pubblicare il bell’articolo apparso su www.giocoegiochi.com circa il rapporto fra gli italiani ed i giochi tradizionale e giochi online. Buona lettura.

Dal momento che il fenomeno appare particolarmente radicato nella società, la prima parte del sondaggio dell’Eurispes, ‘L’Italia in gioco’, realizzato su un campione di 1.007 cittadini, è stata dedicata ad indagare la percezione che gli italiani hanno del giocoe del gioco online. Osservando il trend crescente degli incassi dei diversi giochi in Italia si può dire che, a fronte di un’evidente contrazione dei consumi familiari negli ultimi anni, cresce la voglia di giocare nella speranza del colpo di fortuna che risollevi le finanze. Emerge un giudizio tendenzialmente positivo del gioco: il 29,8% degli italiani considera i giochi e lotterie un divertimento allo stato puro, l’8,2% associa invece scommesse e puntate all’adrenalina data dalla suspense. In parallelo, la posizione espressa da chi spera di ottenere dal gioco un’integrazione al proprio reddito personale (9,2%), segnala che probabilmente questo sistema sta diventando un rimedio alle difficoltà economiche di molte famiglie italiane. Per il 3,8% cimentarsi con il panorama dell’offerta ludica messa a disposizione dai gestori significa principalmente mettere alla prova le proprie abilità e competenze. In alcuni casi, questa tendenza porta a far diventare il gioco una costante della vita quotidiana (2,1%). Poco più di un terzo dei cittadini (30,6%) ritiene invece che investire somme più o meno consistenti nel tentativo di sfidare la dea bendata costituisca uno spreco di denaro e, per il 12,5%, questo comportamento rappresenta un modo poco costruttivo di passare il tempo.
Le tipologie di gioco preferite. Ai fini dell’indagine è risultato interessante cercare di comprendere da quali categorie di gioco sono maggiormente attratti gli italiani. La preferenza va alle tipologie di gioco semplici per le quali non sono richieste specifiche abilità e il regolamento è di immediata comprensione (38,2%). Allo stesso tempo, appare elevata la percentuale di quanti tendono a praticare più volentieri giochi il cui esito finale non dipende solo dal caso ma anche da un certo grado di impegno e di conoscenza di alcune regole fondamentali (32,8%). Supera di poco il 28% la frequenza di risposta attribuita da coloro che dichiarano di non avere preferenze per nessuna delle due tipologie di giochi precedentemente indicate (28,4%).
A preferire maggiormente i giochi per i quali non si richiedono particolari abilità sono gli abitanti delle regioni del Centro (45,2%), seguiti dal 43,5% di coloro che vivono nelle Isole. Questi ultimi, nel 47,8% dei casi, dichiarano di prediligere tipologie di gioco in cui la vincita non dipende solo dal caso. Condivide tale opinione anche il 37,4% degli italiani residenti nel Sud della Penisola. Nell’area settentrionale del Paese, invece, si afferma, in misura maggiore rispetto al resto delle aree, di non avere alcuna preferenza particolare per le categorie di gioco prese in esame (Nord-Ovest: 36,1%; Nord-Est: 31,3%).
Come “strappare un bacio” alla dea bendata? Il 65,3% degli intervistati partecipa volentieri alle diverse tipologie di gioco che concessionari e gestori nazionali suggeriscono (a fronte del 32,8% che non manifesta alcun interesse). Riscuotono particolare consenso i giochi che prevedono un certo livello di abilità e conoscenza da parte di coloro che vi partecipano (20%). Molto in voga sembrano essere anche tutti quei giochi in cui a guidare le sorti della partita è unicamente la mano del destino (16,6%). I giochi con preventiva certezza dell’entità del premio raccolgono il 14,3% dei consensi tra il popolo dei giocatori, mentre quelli in cui la vincita è determinata in base all’entità della raccolta e al numero dei partecipanti sono preferiti dal 9,4%. Non manca chi (5%) ama cimentarsi con tutti i tipi di giochi in denaro e non è in grado di esprimere nessuna preferenza particolare.
I “non giocatori”. D’altro canto, esiste una parte degli italiani che non avverte il fascino delle emozioni che possono essere date dal gioco in denaro. Nella maggior parte dei casi l’interesse manca perché tale attività è considerata uno spreco di denaro (37,1%), oltre che un modo poco utile per impiegare il tempo a propria disposizione (31,3%). Un disincentivo a giocare è rappresentato poi dalle scarse probabilità di vincita (17,4%) e dalla personale convinzione di non essere “nato con la camicia” (3,5%). Modesta, invece, la percentuale di coloro che non sfidano la sorte per il timore di diventare dipendenti da scommesse e lotterie (4,1%), così come quella di quanti affermano di temere il giudizio negativo degli altri (0,4%).
L’offerta ludica: un gioco per tutti. L’83,2% degli italiani ritiene che non sia necessario introdurre nuove tipologie di giochi, probabilmente perché quelle attualmente presenti sono nel complesso stimolanti e attraenti per il pubblico. Di parere opposto il 9,3% che vorrebbe fossero introdotte nuove opportunità di gioco.
Tra coloro che sostengono sia necessario allargare ulteriormente l’offerta dei giochi, il 38,9% vorrebbe che fossero introdotte nuove scommesse e concorsi a pronostico. Una buona percentuale desidererebbe inoltre che si provvedesse ad ampliare la possibilità di sfidare la fortuna con nuovi modelli di lotterie istantanee (18,9%), mentre il 14,7% trova necessario sviluppare il settore delle slot machine. Infine, secondo l’opinione del 10,5% di coloro che sono favorevoli ad ampliare l’offerta ludica, varrebbe la pena di incrementare le lotterie tradizionali e tutti i giochi ad estrazione.
Il 50% dei 18-24enni vorrebbe che fosse incrementata l’offerta di Gratta e Vinci e, nel 37,5% dei casi, quella delle slot machine. I 35 e i 44 anni pensano che dovrebbero essere messe a disposizione del pubblico più occasioni per scommettere e pronosticare sull’esito di manifestazioni sportive o di altro genere (47,7%). La stessa posizione trova d’accordo il 43,5% dei più anziani i quali, inoltre, desiderano che siano aumentate le lotterie tradizionali (26,1%).

number of view: 134
Share and Enjoy:
  • Mixx
  • blinkbits
  • DZone
  • Furl
  • Pownce
  • Spurl
  • Yigg
  • Reddit
  • Technorati
  • Share/Bookmark

SEO Powered by Platinum SEO from Techblissonline