Gus Hansen, meglio conosciuto come “The Great Dane”, uno dei migliori pro del poker mondiale con alle spalle oltre $4 milioni vinti online sui tavoli di cash game solo nei primi cinque mesi del 2011, esce di nuovo allo scoperto. Era scomparso dalle scene a partire da maggio scorso e da allora non ha piu’ rilasciato interviste. Lo ha fatto ieri a Cannes dove si trova come membro del team europeo - di cui fa parte anche Dario Minieri - che giochera’ contro i temutissimi americani nella Caesars Cup. Sempre molto diretto e spontaneo, ha voluto spiegare ai suoi tanti estimatori la ragione della sua assenza in questi ultimi mesi, periodo di tempo in cui non ha mai grindato online. La ragione e’ molto prevedibile: gli eventi del 15 aprile, data del Black Friday che ha eliminato il poker on line negli US, lo ha scosso molto. In particolare quello che gli ha fatto piu’ male riguarda Full Tilt poker e tutti gli scandali che sono emersi dopo il Black Friday con gli arresti di alcuni suoi amici e professionisti. Ricordiamo che un mandato di cattura pende ancora sulla testa del suo grande amico e collega Chris Ferguson, il quale e’ scomparso dall’aprile scorso. Possiamo capire la sua delusione e frustrazione: Gus Hansen ha vissuto una bellissima avventura con quella che era la seconda poker room piu’ importante del pianeta. Lo abbiamo visto in tante belle pubblicita’ di Full Tilt, e’ stato uno dei personaggi chiave del successo di Full Tilt insieme a Phil Ivey e Patrik Antonius. Ora tutto e’ finito. Questa situazione lo ha indotto a non giocare a poker online per molti mesi. Ci chiediamo quando lo rivedremo…semmai lo rivedremo. Si’, perche’ Hansen non ha intenzione di calcare i tavoli verdi su Internet e dominare i cash game per il momento e non intende neppure partecipare agli eventi di poker live, lui che comunque ha ottenuto degli ottimi risultati anche nei tornei dal vivo, basti ricordare che solo l’anno scorso vinceva un importante braccialetto a Londra e nel corso delle WSOP fini’ in terza posizione l’evento No Limit Hold’em Heads Up da $25.000. Perche’, allora, e’ venuto a Cannes per partecipare alla Caesars Cup? Dice che non se l’e’ sentita di dire no all’invito fattogli dal capitano del team Europa Bertrand Grospellier, meglio conosciuto come “ElkY”, e vuole giocare per vincere il titolo ottenuto gia’ nel 2009. Ammette di essere un po’ arrugginito, ma molto entusiasta di poter sfidare le giovani stelle provenienti dal poker on line come Jason Mercier. Dobbiamo aggiungere anche le critiche che hanno coinvolto Gus Hansen: molti player credono che Hansen, Ivey e Antonius abbiano preso i soldi che avevano nei loro conti Full Tilt un paio di gorni prima che scoppiasse la vicenda del Black Friday, molto probabilmente perche’ sono stati avvertiti in tempo da chi gia’ sapeva dell’operazione in corso.

Number of View :13