Regole Poker

Number of View: 1539

Le regole del poker sono poche e semplici e nonostante differenti varianti sono più o meno sempre le stesse, o meglio i punti da raggiungere sono i medesimi anche se le modalità sono differenti. Quali sono le sotanziali differenze tra i vari poker? Tra le differenti configurazioni più comunemente giocate di poker le differenze fondamentalmente sono: il numero di carte che abbiamo in mano, può variare da 2 a 4 fino a 5 o 7 nell’estremo caso del Seven Stud, poi abbiamo una variante da noi non giocata, (appena vi dirò con quante carte si gioca capirete il perchè), il poker Cinese si gioca infatti con13 carte in mano; altra grande differenzazione tra i poker per esempio tra Texas Hold’em e Omaha sta tra il valore dei punti, nel primo gioco il Full House batte il Flush (colore), mentre nell’ Omaha a causa delle differenti percentuali di possibiltà di incastrare questi punti la situazione si inverte e abbiamo il “Colore” che batte il Full, una grossa differenza che ci proietta direttamente nella comprensione di questi giochi, molto più difficili da spiegare a parole che da giocare concretaemente. Possiamo differenziare le regole del pòker in due grosse categorie, poker che utilizzano carte in comune per tutti i giocatori (Texas Hold’em, Omaha) e giochi che invece lasciano i giocatori utilizzare solo le carte che hanno in mano (5 carte, Seven Stud), altra grossa differenza che separa il nostro gioco Europeo da quello Americano è il fatto che in tutti i giochi Americani ci sono carte scoperte (necessità nata in particolare per rendere più spettacolare il gioco o se vogliamo vederla con gli occhi del nostro tempo, renderlo più televisivo) e giochi come il nostro classico “5 carte” che invece non lasciano nessuna carta scoperta. Queste grosse differenze nelle regole del poker, definiscono i vari giochi e rendono veramente difficoltoso spaziare da un gioco all’altro senza confondorsi, pensiamo infatti che solo pochissimi giocatori al mondo sono veramente capaci di vincere a tavoli di differenti giochi. Dobbiamo comunque tenere conto che una delle discipline più difficili del mondo del poker è l’H.O.R.S.E, un gioco praticato da pochissimi e i cui buy-in per i tornei importanti sarebbero proibitivi per quasi tutte le tasche, il gioco comprende 5 differenti poker: Texas Hold’em, Omaha eight or better (già difficilisimo di per se), Razz, Seven card Stud e dulcis in fundo Seven card Stud eight or better, come potete vedere la complessità del gioco è incredibile, le regole del poker a questo punto divengono estreme e solo poche menti al mondo possono riuscire nella difficile impresa di variare velocemente da un gioco all’altro senza confondersi. Pensate che nel 2010 questo gioco è stato praticato alle World Series of Poker in una variante ai miei occhi sconvolgente, partendo dal fatto che il buy-in del torneo era di $50.000, i partecipanti si sfidarono in un torneo nel quale erano praticati 8 giochi differenti alternativamente: 2-7 triple draw, Hold’em, Omaha/8B, Razz, Stud, Stud/8B, No limit Hold’em and finally Pot limit Omaha, pensate voi la complessità delle regole del poker. E questa è solo la superficie del gioco, dato che la era chiave di tutti i giochi di poker è in realtà la comrensione dei comportaementi dell’aversario e della posizione al tavolo in modo da offrirci la possiilità di giocare con qualsiasi mano noi si possa avere, leggende del poker narrano che Annette Obrestad, una giovanissima giocatrice scandinava giocò nel 2007 un torneo online senza mai guardare le sue carte, giocando solo sulla posizione. Ora che hai appreso le regole del poker sei pronto per divenire un miglior giocatore di Texas Holdem e di altri giochi poker online.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Blogosphere News
  • RSS
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
Share
Nessun commento presente.

Nessun trackback