Number of View: 236

Persino il celebre quotidiano a stelle e strisce USA Today lo ha sottolineato in un suo articolo: quest’edizione delle WSOP appartiene ai giovani geni del poker online. Lo abbiamo ribadito piu’ volte. A lanciare l’allarme e’ stato il grande Phil Hellmuth (11 braccialetti all’attivo, ma non ne vince piu’ da diversi anni ormai) un mese prima dell’inizio del campionato del mondo a Las Vegas, quando dalle pagine del mitico Time si lamentava del fatto che I giovanissimi campioni provenienti dal poker online si sarebbero impossessati delle WSOP, e cosi’ sta avvenendo. Phil sosteneva che e’ davvero difficile competere con giovani menti abituate a giocare per piu’ di 10 ore al giorno anche su 10 tavoli contemporaneamente online. Nella piu’ recente intervista a USA Today il saggio Hellmuth aggiunge anche che oggi si possono trovare milioni di giocatori dai 28 anni in giu’. Essi superano il numero di veterani per una proporzione di 4 a 1, aumentando naturalmente la possibilita’ che un giovane possa vincere a discapito di un giocatore piu’ vecchio. Le migliaia di mani giocate, l’esperienza ottenuta, la determinazione e la fame di vittoria fanno di questi giocatori di Texas Holdem online dei leoni anche sui tavoli verdi di tornei di poker live. USA Today dice che Joe Cada rappresenta il tipico campione dell’online che domina anche i tornei da vivo. Come ricorderete Cada vinse l’edizione passata del WSOP Main Event a soli 21 anni, battendo il record del danese Peter Eastgate, che lo vinse nel 2008 all’eta’ di 22 anni. Sia Phil Hellmuth, sia USA Today sostengono che le vecchie glorie non possono competere con questi giovani mostri del poker. Vedremo chi di loro vincera’ l’edizione 2010 dei mondiali di poker.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Blogosphere News
  • RSS
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
Share